Archivio per la categoria Software

Collezione Euro Monete Aggiornamento 1.8

Collezione Euro Monete per Mac, iPad e iPhoneCollezione Euro monete, la suite di app dedicata ai collezionisti per Mac, iPad e iPhone, si aggiorna!

Sono state aggiunte 20 monete commemorative da 2 Euro del 2014, già emesse oppure annunciate.

Quest’anno la fanno da padrone eventi storici importanti come il 70° anniversario dello sbarco in Normandia, il 100° dall’inizio della Prima Guerra mondiale e il 25° della caduta del muro di Berlino.
L’arte del Rinascimento invece è ben rappresentata grazie al 500° della scomparsa del Bramante.

Oltre alle attesissime commemorative del 2014, due nuovi Paesi hanno adottato l’Euro quest’anno: Andorra e la Lettonia. Quest’ultima ha anche in programma la sua prima moneta commemorativa da 2 Euro dedicata a Riga, capitale europea della cultura 2014.

Tre Paesi hanno inoltre modificato il disegno della faccia nazionale delle monete standard: il Belgio, l’Olanda e il Vaticano. Probabilmente lo farà anche la Spagna, data la recente abdicazione di re Juan Carlos.

Da questo aggiornamento cambia l’aspetto grafico delle app.
Non è solo questione di gusti estetici: colori meno saturi, trasparenze e stile piatto dell’interfaccia aiutano a concentrarsi meglio sui ciò che conta veramente, vale a dire i contenuti.

Una sola nota relativa all’usabilità: ora i mini-album dedicati ai marchi di zecca greci e tedeschi si aprono con un tocco sulla linguetta, senza più doverla trascinare.

Nuovi contenuti, nuova grafica e tutto il materiale di marketing aggiornato di conseguenza: testi, schermate, comunicato stampa e la pagina Facebook.

Un sacco di lavoro che ha richiesto tempo, perciò grazie ai collezionisti per la pazienza e a tutti coloro che vorranno condividere la notizia! 🙂

, ,

Nessun commento

Design è come funziona. Intervento al POLI.design

Lo diceva Steve Jobs e lo ripetono coloro che riconoscono quanto sia importante costruire applicazioni tanto belle quanto usabili.

Ed è stato il tema del mio intervento come “visiting lecturer” al corso del Prof. Spallazzo Augmented Reality & Mobile Experience presso il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano.

In genere designer e sviluppatore sono due persone molto differenti, sia in termini di formazione che di gusti personali.
Tali differenze spesso causano ostacoli di comunicazione quando devono lavorare assieme, ad esempio per costruire un’app per dispositivi mobili.

Nella prima parte dell’intervento ho cercato quindi di raccontare quali siano le buone pratiche che dovrebbero seguire le due figure, perché conoscere qualche dettaglio di come lavora l’uno aiuta a comunicare meglio con l’altro.

Nella seconda parte ho mostrato brevemente gli strumenti che usano gli sviluppatori per creare app sulle tre piattaforme principali: iOS di Apple, Android di Google e Windows Phone di Microsoft.

No, non sono fan di nessuno dei tre sistemi operativi! 😉
Come ho detto agli studenti, “da professionista non posso esserlo”, ma sono partito da iOS perché nella mia esperienza è l’ecosistema nel quale design e programmazione sono aspetti storicamente trattati con la stessa importanza.

Trattandosi di un corso con un focus sulla tecnologia applicata ai beni culturali, ho chiuso l’intervento parlando del progetto sul Razionalismo in Provincia di Como.
Chi meglio degli architetti razionalisti applicava con rigore la regola della sezione aurea, ora evidente nel design dell’interfaccia utente di iOS 7 e di Windows Phone?

Un grazie al Prof. Spallazzo per l’invito. Dato l’interesse per la materia, insieme speriamo di poter organizzare prossimamente un corso sul design e lo sviluppo di applicazioni.
Nel frattempo, la presentazione che ho preparato per l’intervento è su SlideShare.

, ,

Nessun commento

Museums and the Web Firenze 2014

Palazzo Vecchio a Firenze non poteva che essere il luogo più adatto per la prima volta in Italia del convegno internazionale Museums and the Web, organizzato ogni anno negli USA e dedicato al rapporto tra la tecnologia e i luoghi della cultura.

Per me è stata l’occasione per rincontrare “vecchi” colleghi e conoscerne di nuovi.

Sono tre i punti su cui vorrei focalizzare l’attenzione, tra i tanti temi affrontati dai relatori durante i tre giorni del convegno:

  • metriche: Robert Stein, direttore del Dallas Museum of Art (500.000 visitatori all’anno), ha condiviso alcune interessanti metriche che ha utilizzato per misurare e valutare le iniziative della sua istituzione. E’ un buona pratica che noi italiani non siamo molto abituati a seguire: misurare i risultati di un progetto e pianificare i passi successivi a seconda di tali dati.
  • live-tweeting: è stato sorprendentemente utile durante le presentazioni, dato che mi ha aiutato a focalizzare i punti chiave, specialmente se il relatore non aveva uno stile di presentazione efficace. Bisogna essere allenati per poter ascoltare, sintetizzare e twittare adeguatamente, perciò grazie a BAM! Strategie Culturali, #svegliamuseo, flod republic e agli altri blogger.
  • gamification: è un argomento molto in voga, trendy direi, ma va trattato con attenzione secondo me. Come provocazione, vorrei invitare i relatori a non parlare di gamification nelle conferenze sullo storytelling digitale se non hanno nel proprio CV una frase del tipo “Gioco ai videogiochi dall’inizio alla fine”! 😛
    Dare “solo un’occhiata” ad un gioco basato sullo storytelling è come ascoltare l’inizio di una storia e non sapere mai come andrà a finire, se capite cosa intendo.

Ho inoltre avuto modo di mostrare il lavoro relativo al progetto Razionalismo in Provincia di Como nell’area di Palazzo Vecchio dedicata alle dimostrazioni.
Qualcuno mi ha detto che gli piaceva perché l’app sembrava più “emotional” rispetto ad altre soluzioni, generava cioè empatia e coinvolgimento.
E se lo dice un esperto francese del settore, in inglese, credo sia un apprezzamento non da poco! 😉

, ,

Nessun commento

Podcast Razionalismo in Provincia di Como

E’ online il podcast del progetto Razionalismo in Provincia di Como!

Il podcast include 33 file audio in formato Mp3 finora prodotti per il progetto di valorizzazione dei principali punti di interesse dell’architettura Razionalista presenti nel territorio compreso tra Como, Cernobbio e la Tremezzina.

E’ possibile così scaricare gratuitamente e ascoltare gli 11 punti di interesse, raccontati in tre lingue (italiano, inglese e tedesco) dagli speaker Luca Grandelis, Garth Kennedy e Birgit Röhricht, su qualunque computer o lettore multimediale.

Gli Mp3 del podcast hanno una qualità superiore rispetto a quelli utilizzati nell’app, disponibile da settembre 2013 per iPhone e iPad. La dimensione dei file infatti è di circa il doppio.
Questo per garantire la migliore esperienza d’ascolto a tutti gli appassionati di podcast.

Personalmente uso l’app Podcast di Apple per gestire le iscrizioni ai miei podcast preferiti, ma ci sono molte altre applicazioni per PC e Mac per farlo.
L’interfaccia web di Feedburner, ad esempio, è già più che sufficiente:
http://feeds.feedburner.com/razionalismo-in-provincia-di-como

Il podcast è anche su iTunes, nella categoria “Cultura e società > Località e Viaggi”.
Per trovarlo velocemente e iscriversi è sufficiente cercare la parola “razionalismo” nel campo di ricerca di iTunes.

Prossimamente verranno inoltre aggiunti 3 nuovi contenuti: la sede dell’Unione Lavoratori dell’Industria, la sede della Canottieri Lario e la Casa del Balilla con l’annesso Stadio Sinigaglia.

Ascoltare un podcast è un pò come ascoltare una trasmissione radio: è possibile fare altro mentre si ascolta, come lavorare al PC, viaggiare, fare jogging, cucinare, e chi più ne ha più ne metta.
In questo caso l’esperienza migliore è quella di passeggiare per Como, Cernobbio o nella Tremezzina, tra gli edifici razionalisti descritti nel percorso digitale. 🙂

Buon ascolto!

, ,

Nessun commento

Razionalismo in Provincia di Como Aggiornamento 1.61

L’architettura va vissuta!

E’ ciò che mi hanno detto alcuni architetti che hanno contribuito ad arricchire i contenuti dell’applicazione Razionalismo in Provincia di Como.

Bisogna trovarsi di fronte, o all’interno, degli edifici razionalisti per apprezzarne gli spazi, i volumi, i colori, e cogliere i numerosi dettagli: dalle scale agli arredi.

Ed è ciò che ho fatto personalmente, prima coi sopralluoghi durante la fase di preparazione dei contenuti, e di nuovo in questi giorni per testare le funzioni di geolocalizzazione e geofencing introdotte nella versione 1.61, da oggi disponibile su App Store.

Per fare i test ho girato a piedi e in Vespa per la città di Como, un vero “museo a cielo aperto” dell’architettura razionalista.
La geolocalizzazione consente di tracciare la propria posizione sulle mappe offline, mentre il geofencing (una sorta di recinto geografico virtuale) consente di ricevere una notifica quando ci si trova a circa 80-100 metri da uno dei punti di interesse, anche quando l’app è in background.

Quando l’app è in background, l’icona a freccia “vuota” nella barra di stato indica che il geofencing è attivo.
Ma non preoccupatevi, non consuma batteria: gli ingegneri di Apple hanno ottimizzato al meglio tale funzione.
Inoltre con iOS 7 la geolocalizzazione funziona molto bene anche con i dispositivi senza ricevitore GPS integrato.
Viene infatti utilizzata una mappatura degli access point Wi-Fi nelle vicinanze per determinare la posizione del proprio dispositivo.

La nuova versione è stata mostrata all’opera sul campo durante un’intervista da parte di QuiComo, il quotidiano online di informazione della città di Como.

In precedenza ho avuto occasione di parlare del progetto alla trasmissione Angoli dell’emittente locale Espansione TV: un nome quanto mai appropriato per raccontare degli edifici razionalisti, in particolare il Novocomum, il primo di questo tipo costruito a Como e progettato dall’architetto Giuseppe Terragni.
Questo video ha i sottotitoli in italiano e inglese: si attivano cliccando sull’icona in basso a destra del video.

Tra gli albergatori e i professionisti del settore si discute spesso di iniziative per destagionalizzare il turismo in città e sul Lago di Como, attualmente concentrato durante la bella stagione.

Quale migliore occasione dunque per visitare il museo a cielo aperto del Razionalismo a Como con un’app che ne descrive gli edifici, in qualsiasi stagione e senza alcun biglietto di ingresso? 😉

, ,

Nessun commento

Collezione Euro Monete Aggiornamento 1.7 e versione 1.3HD per iPad

Collezione Euro Monete HD per iPad e Collezione Euro Monete per iPhoneLa versione 1.7 per iPhone e la versione 1.3HD per iPad di Collezione Euro Monete sono su App Store!

Con l’aggiunta di altre 8 monete commemorative da 2 Euro, la serie di emissioni del 2013 è completata.

Particolarmente attesa per me è la moneta dedicata a Giovanni Boccaccio, autore italiano che studiai con piacere al liceo.

Ce ne sono anche altre interessanti da collezionare, come quella di San Marino dedicata a Pinturicchio, più che degna sostituta della presunta moneta dedicata a John F. Kennedy, annunciata all’inizio dell’anno.

Come richiesto da diversi collezionisti, è stato aggiunto il parametro Coin Card per filtrare le monete.
Il formato Coin Card sta infatti diventando sempre più popolare, specialmente per i 2 Euro Commemorativi.

Questo aggiornamento mantiene il design delle versioni precedenti, ma i lavori su un design completamente nuovo sono già in corso.

Sarà interamente full-flat, secondo lo stile introdotto da Apple con iOS 7 e che credo rimarrà tale per molto tempo, in quanto coniuga al meglio semplicità, chiarezza e trasparenza: concetti essenziali per l’utilizzo in mobilità di smartphone e tablet.

Vi invito a seguire la pagina Facebook dell’app per vedere il nuovo stile in anteprima nelle prossime settimane. 🙂

, ,

Nessun commento

Razionalismo in Provincia di Como Aggiornamento 1.6

L’app Razionalismo in Provincia di Como da oggi parla tedesco!

Sono stati aggiunti anche i sottotitoli in tedesco all’audio in inglese e in italiano.

Si tratta di una caratteristica esclusiva dell’app, utile a chi desidera perfezionare la conoscenza di una lingua.
Personalmente, negli anni ho affinato molto il mio inglese guardando film o giocando a videogiochi narrativi in lingua originale e i sottotitoli in italiano o inglese.

Nell’app la traduzione dei sottotitoli non è letterale, dato che ovviamente abbiamo dato la priorità alla fluidità del testo in ciascuna delle tre lingue, ma è facile seguirli sullo schermo grazie alla sincronizzazione con la traccia audio.

Senz’altro sarà utile a chi userà l’app dalla comodità del proprio divano di casa, vale a dire la maggior parte di coloro che la scaricheranno.

Ma perché versione 1.6, invece di 1.1?

E’ una curiosità che forse avranno notato i più attenti, magari leggendo la slide della presentazione in cui sono elencati i prossimi passi del progetto. 😉

La numerazione delle versioni dell’app seguirà il numero della sezione aurea, phi, vale a dire 1.618…
E’ un numero molto particolare, conosciuto fin dall’antichità.
In matematica è il numero irrazionale a cui tende il rapporto tra due numeri consecutivi della successione di Fibonacci, mentre in natura è presente in numerosi rapporti, ad esempio in quello tra le spire di una conchiglia.
Nell’arte, come in architettura, ha sempre rappresentato le proporzioni ideali, la “bellezza” in generale.

Anche nell’app è presente sotto varie forme, a volte volutamente, altre involontariamente, ma mai inutilmente.
Ad esempio nel design delle icone, nella spaziatura tra elementi dell’interfaccia, o anche nella durata della pausa dell’audio tra una sezione e l’altra.
Se una cosa suona bene o appare bella e in armonia con ciò che la circonda, è grazie a phi, come ben sapevano anche gli architetti Razionalisti.

Indipendentemente dai sottotitoli o dal numero di versione, l’esperienza migliore si ha quando ci si trova di fronte, o all’interno, dell’edificio razionalista descritto.
Perciò vi invito a farlo quando avrete occasione: sarete i benvenuti a Como, a Cernobbio o nella Tremezzina! 🙂

Visitare sia la città di Como che i luoghi della Tremezzina richiede più di qualche giorno di permanenza: che sia un buon incentivo per il fenomeno del turismo lento, a dispetto di quello mordi e fuggi?

, ,

Nessun commento

Razionalismo in Provincia di Como 1.0 Pubblicata!

L’app Razionalismo in Provincia di Como è da oggi disponibile su App Store.

E’ il risultato di mesi di lavoro, insieme a diversi collaboratori, promosso e coordinato dal Settore Cultura della Provincia di Como, l’ente pubblico che ha il compito di amministrare l’area occidentale del Lago di Como.

Si tratta di un itinerario multimediale tra le architetture razionaliste nel territorio lariano, tra Como, Cernobbio e Tremezzo.
I punti di interesse includono i più celebri edifici progettati dagli architetti Giuseppe Terragni, Cesare Cattaneo e Pietro Lingeri.

Si tratta dell’ennesima app info-guida? O dell’ennesima app audio-guida?
Per nulla!
Il concept design è forse l’aspetto più interessante per i colleghi sviluppatori: ho cercato di realizzare un’app che fosse una combinazione “olistica” tra questi due tipi di app, info-guide e audio-guide.
Vale a dire una combinazione nella quale il risultato finale fosse superiore alla somma algebrica delle singole parti.

Partiamo dall’audio, il vero cuore dell’app.
Dopo aver realizzato i testi, scritti in un liguaggio semplice e comprensibile, sono intervenuti tre narratori professionisti che con le loro voci hanno letteralmente “dato vita” ai contenuti.
Luca Grandelis è il narratore per l’italiano, mentre Garth Kennedy si è occupato dell’inglese.
Luca è un voice-talent affermato, mentre Garth è anche un artista, uno scultore astrattista-meccanico.
Il tedesco verrà aggiunto a breve nel prossimo aggiornamento, grazie alla voice-talent berlinese Birgit Röhricht.

Poi c’è l’interfaccia, progettata tenendo ben presente le parole chiavi di iOS 7: chiarezza e trasparenza.
Gli esperti di tecnologie mobile applicate all’educazione ripetono il mantra “content is king“.
D’accordo, ma se “content is king“, permettetemi di aggiungere “software is queen“.
Un contenuto di qualità viene infatti spesso compromesso da una mediocre qualità del software che lo gestisce e lo presenta all’utente.
Il lavoro fatto in questo senso avrà il suo giudice nei commenti di chi userà l’app: se si concentreranno sui contenuti vorrà dire che il software è effettivamente “trasparente” e il risultato è ottimale.

L’app verrà presentata ufficialmente domenica 29 settembre, all’Antiquarium di Ossuccio, nell’ambito delle iniziative legate alle Giornate Europee del Patrimonio 2013.
Sarà l’occasione per stringere la mano alle persone che hanno collaborato al progetto.
Sebbene non ci sia un singolo pixel, una parola o linea di codice che non sia passata sotto i miei occhi – e ciò include la responsabilità di eventuali bug 😉 -, questo lavoro non sarebbe stato possibile senza di loro.

Il binomio tecnologie mobile e patrimonio culturale può dunque funzionare?
Io ne sono convinto, e penso sia l’unica via d’uscita dal tunnel della crisi economica e sociale in cui il Belpaese si trova ormai da troppi anni…

Inoltre, la ricaduta educativa di quest’app avverrà nel medio periodo.
Molti esperti di comunicazione concordano sul fatto che si tende a sopravvalutare iniziative di questo tipo nel breve periodo, per il loro carattere di “novità”, mentre se ne sottovaluta l’impatto nel medio e lungo periodo.
La cartina di tornasole potrebbe essere questa: contiamo quanti comaschi (ma non solo!) pensano oggi che la fontana di Camerlata sia ispirata alla pila di Volta.
Contiamoli tra 5 anni… e forse una buona parte di essi, grazie all’app, ricorderà che si tratta invece di una sorta di monumento futurista al traffico!

Le novità non sono finite, come spiegherò nel corso della presentazione.
Intanto buon ascolto e buona visione dell’app Razionalismo in Provincia di Como! 🙂

, ,

Nessun commento

I Tre Miracoli dell’Estate Comasca 2013

Gardens of Lake Como iPad LandscapeQuest’estate a Como ci sono stati tre “miracoli”, come ha detto Piercesare Bordoli, presidente dell’associazione Famiglia Comasca:

la riapertura (sebbene temporanea) di un tratto della passeggiata a lungolago, dopo la lunga chiusura dovuta ai lavori in corso per le paratie anti-esondazione, il restauro dello storico piroscafo Patria, e la riqualificazione dell’arena del Teatro Sociale, l’area sul retro del teatro in precedenza adibita a parcheggio.

Piccoli passi nella direzione di una città che ha davvero cura per i turisti e i propri cittadini?

Speriamo… nel mio piccolo – e con le dovute proporzioni, dato che i tre “miracoli” hanno coinvolto diversi enti pubblici e privati, e milioni di Euro – mi auguro che il nuovo aggiornamento dell’app dedicata ai giardini del Lago di Como sia un altro passo in tale direzione.

Un’app bella e aggiornata sulle ville-giardino del Lago di Como, non può che essere un altro buon biglietto da visita per invogliare i turisti a passare piacevoli giornate in questo magico territorio.

Si tratta di un aggiornamento principalmente tecnico.
L’app ora include grafica in alta risoluzione per lo schermo Retina degli iPad di 3a e 4a generazione, supporta lo schermo da 4 pollici dell’iPhone 5, e infine supporta l’orientamento orizzontale.

Anche la condivisione tramite Facebook e Twitter dei giardini preferiti è stata migliorata, utilizzando le API native presenti nelle versioni 5 e 6 di iOS.

L’app è più veloce e responsiva, le animazioni a scorrimento più piacevoli, e l’aspetto generale leggermente migliorato.

Gli appassionati di Apple sanno bene che a breve verrà rilasciato iOS 7, col quale l’app è già compatibile dal punto di vista del design, grazie allo stile “flat” dell’interfaccia e ai colori consistenti.

Curiosi del nuovo aggiornamento?
Scaricate l’app Giardini del Lago di Como – ramo occidentale dall’App Store!

, ,

Nessun commento

Collezione Euro Monete ora anche per Mac OS X

Euro Coin Collection for Mac OS XLa versione per Mac di Collezione Euro Monete è da oggi su Mac App Store!

La nuova app mantiene tutte le caratteristiche delle versioni per iPad e iPhone, con il vantaggio di poter vedere tutto l’album virtuale a colpo d’occhio su un iMac da 27 pollici.

E’ sufficiente OS X Snow Leopard per far girare l’app, mentre Lion o Mountain Lion sono necessari per attivare le funzionalità di sincronizzazione via iCloud e quelle di condivisione via Facebook o Twitter.
L’app è stata inoltre ottimizzata per MacBook Pro con display Retina.

Contemporaneamente le app per iPhone e iPad sono state aggiornate alle versioni 1.6.1 e 1.2.1.
E’ stata aggiunta la moneta commemorativa da 2 Euro del Principato di Monaco, che verrà emessa a dicembre per celebrare i “20 anni dall’adesione all’ONU”.

E’ stato anche aggiunto l’effetto “rimbalzo” agli elementi scorrevoli dell’interfaccia, un effetto legato a quello “scorrimento inerziale” che rende fluida e piacevole l’esperienza utente sui dispositivi iOS, ideato dal designer olandese Bas Ording.

Chi ha letto la biografia di Steve Jobs ricorderà sicuramente l’episodio in cui Jobs incontrò il designer nella sala d’attesa della sede di Apple e lo assunse al volo dopo che vide una breve dimostrazione delle sue idee per migliorare l’interfaccia di OS X.

Bas è ancora alla Apple e stanno facendo sempre meglio a mio parere: la recente presentazione di iOS 7 è una dimostrazione del processo di innovazione continua che l’azienda di Cupertino persegue con rigore.

Buon divertimento con la versione Mac e l’album che “rimbalza”! 😉

, ,

Nessun commento